Per alcune persone, i libri fanno la differenza tra felicità e infelicità, speranza e disperazione, una vita degna di essere vissuta e una orribilmente noiosa.Anjali Banerjee♦♦due strade divergevano in un bosco ed io – io presi la meno battuta,e questo ha fatto tutta la differenza.Robert Frost

 

Tre giorni di culto, di devozione, di folclore, di tradizioni che non hanno riscontro nel mondo.

Soltanto la Settimana Santa di Siviglia in Spagna e la festa del Corpus Domini a Guzco in Perù possono paragonarsi, quanto a popolarità, ai festeggiamenti agatini, da cinque secoli sempre uguali. Per tre giorni la gente sciama nelle vie e nelle piazze. Devoti o curiosi si contano a centinaia e centinaia di migliaia, anche sino a un milione.

( Tre giorni incredibili )

Sono tre giorni di solennità, ma due in particolare, quando Sant’Agata il 4 e il 5 febbraio nel suo argenteo fercolo “a vara” va tra la sua gente, attraversa i quartieri popolari e quelli alti.

La prima giornata, il 5, si sviluppa in tre momenti: la lunga e solenne processione del mezzogiorno per l’Offerta della cera, a cui partecipano le più alte autorità cittadine civili, religiose e militari cun i gonfaloni del Comune, della Provincia e dell’Università. Dalla Chiesa di Sant’Agata alla Fornace alla Basilica Cattedrale la processione “taglia” due ali di folla incredibile. Chiudono le undici candelore, espressioni delle corporazioni dei mestieri cittadine, e le due carrozze del Senato catanese, una berlina settecentesca, seguita da una più , piccola, ospita gli amministratori comunali, il “Senato” di una volta, formato dal patrizio (il sindaco) e dai giurati (assessori). Nel pomeriggio alle 15 il trofeo podistico internazionale Sant’Agata con i campioni del cross mondiale tra strade antiche e moderne del centro. Infine la sera, dopo le 20 il grandioso spettacolo di fuochi artificiali in piazza Duomo.

La notte che segue è insonne per migliaia di catanesi che di buon mattino affollano la Basilica Cattedrale per il primo incontro con la Santa. L’atmosfera è fortemente emotiva. Sant’Agata viene portata dai devoti infagottati nel “sacco”, che probabilmente rimanda alla tunica bianca dell’antico rito in onore di Iside, del cui culto Catania fu sede importante secoli prima dell’avvento dell’era cristiana. Prima sull’altare centrale poi sulla “vara”, il fercolo, in un ondeggiare del suo busto, ricoperto di gioielli, donati anche da re e imperatori, tra cui la croce offerta da Vincenzo Bellini, procede simile a una barca con mare mosso, e tra battimani e sventolii di fazzoletti bianchi, che compongono come un volo di gabbiani, si incastona tra i fregi e le decorazioni del barocco urbano.

Una scenografia che nessun regista saprebbe ripetere, né, tanto meno, inventare. Dopodiché il fercolo con il busto reliquario di Sant’Agata e lo scrigno argenteo, di fine oreficeria, con le rimanenti reliquie, inizia il giro esterno (dei “viddani”) attraversando Porta Uzeda (sino a qualche decennio fa si assisteva a un pittoresco lancio di larghe strisce, la nota “strisciata”, che vestivano tutti i platani di vivaci colori), via Dusmet con i caratteristici archi che sorreggono la ferrovia e sotto cui, una volta, si increspava il mare, vicino alla via Biscari dove pare sia nata la nobile Agata. Un passaggio atteso è quello che va da piazza Carlo Alberto, dalla fiera, sino a piazza Stesicoro. E qui entriamo nei luoghi più cari ai catanesi, luoghi del culto, perché tra queste mura antiche Sant’Agata subì il carcere e il martirio, e dove, dopo atroci sofferenze, morì. Momento spettacolare anche questo. Le migliaia di devoti tirano di corsa il pesante fercolo per tutta la salita dei Cappuccini, fermandosi a metà per fare omaggio al Sacro Carcere. Quindi la seconda rampa e sosta a Sant’Agata la Vetere, la prima Cattedrale di Catania e primo luogo di sepultura della Patrona (ma c’è chi sostiene che fu sepolta in Piazza Carlo Alberto all’interno del santuario S.S. Annunziata, meglio conosciuto come chiesa del Carmine).

La sera il percorso nella Catania popolare: via Plebiscito, Fortino, S. Cristoforo. In questi quartieri la festa viene vissuta in modo diverso. Case (soprattutto molti bassi) aperte, illuminate, festanti; bar strapieni per tutta la notte. Musiche, bancarelle con torrone, calia, griglie mobili per arrostire carne di cavallo arrosto. Balconi illuminati, edicole illuminate e infiorate con l’effigie della santa, vetrine di negozi e bar con artistici modelli delle candelore. Grandi fuochi d’artificio prima del rientro, non senza il brivido di un sottopasso a risico della marina (sino al 1992 si è fatto di corsa), e ancora attraverso la Porta Uzeda nella Basilica Cattedrale mentre la notte ammorbidisce il buio se non alle prime luci dell’alba.

( Spettacolo e devozione )

Neppure il tempo di qualche ora di sonno perché nella tarda mattinata (siamo al giorno 5, al clou della festa) si celebra il pontificale presieduto da un prelato inviato appositamente.

Al tramonto ha inizio la seconda parte del giro della Patrona per il centro della città, nella Catania antica. Il fercolo procede con una lentezza inaudita, specie in questi ultimi anni, per via Etnea, il “salotto” cittadino. Le undici candelore parate a festa aprono la processione. Davanti al cordone almeno settecento devoti inneggianti (“tutti devoti tutti. Cittadini, viva Sant’Agata”) tira la “vara”. Suona la campana del Comune per annunziare l’omaggio del Sindaco alla padrona. Poi il fiume del corteo interminabile si muove mostrandoci per ore un quadro vivente. La gente si porterà in piazza Borgo per i fuochi d’artificio, noti come quelli della “sera del tre”. Di corsa, come le candelore impegnate nella gara di resistenza, alla salita di S.Giuliano, pronti a sostenere il cereo della propria professione o maggiormente accattivante. Le ore passano, la notte avanza. Sant’Agata aspetta con pazienza all’incrocio tra via Etnea e via di S. Giuliano che finisca la “contesa”, per lo strappo finale quello che terrà con il fiato sospeso, quello con l’applauso, se tutto sarà andato bene, liberatorio, sulla salita di S. Giuliano. Peccato per l’ora tarda, ma vedere la corsa così pericolosa e così sentita dai devoti è un grande spettacolo. È un pezzo della festa riservato ai giovani. Ci vogliono forti braccia e gambe salde per tirare le tonnellate e tonnellate della “vara”. Ma é un segno d’amore e di devozione che non può mancare. E come una volta, farla in un’ unica tirata, significa trarne dei buoni auspici per l’anno. Sì, perché il vero Capodanno per i catanesi è il 5 febbraio e tutti i contratti, un tempo avevano come punto di riferimento e di partenza questa data.

( Martirio e centro storico )

Catania, rinata molte volte da devastanti terremoti e eruzioni dell’Etna, ha tributato alla Patrona chiese e monumenti tra i più belli e prestigiosi. Oggi si possono ammirare nella salita dei Cappuccini, all’interno della chiesa di Sant’Agata al Carcere, i ruderi del III secolo d.C. che contengono la prigione dove Sant’Agata patì il martirio e vi spirò. Vicino ci sono le chiese di Sant’Agata alla Fornace (in piazza Stesicoro) e di Sant’Agata la Vetere (via S. Maddalena), la prima cattedrale di Catania (appunto la Vetere) e forse luogo della prima sepoltura. Ancora la Badia di Sant’Agata, la stele in piazza dei Martiri, la fontana di via Dusmet, il Duomo normanno-barocco.

Mentre la Basilica Cattedrale conserva le relique in pregevoli lavori di oreficeria, opere del Di Bartolo come il busto e lo scrigno (non c’è una statua di Sant’Agata), la chiesa del Sacro Carcere rappresenta il centro del culto agatino, la storia vivente del martirio, della vicenda agatina. Nel tempio, oltre alla buia stanzetta, si può vedere la lastra lavica in cui sono impresse le orme dei piedi. In questo tempio, che presto sarà santuario, il catanese ritrova la sua identità spirituale. I catanesi eressero il carcere come uno dei baluardi delle vecchie sue mura. Lo attesta il bastione, ancora oggi ben visibile che fa parte della parte muraria risalente alla fine dell’XI o all’inizio del XII secolo. Il carcere era interrato e annesso alle costruzioni nei pressi del pretorio dell’antica città romana, là dove c’era la residenza rappresentativa di Quinziano, suo persecutore. La chiesa custodisce alcune fra le più preziose memorie réligiose e storiche cittadine, ha una suggestione campestre nonostante inserita in piena città. Sopra l’altare maggiore una grande tavola datata 1588 e firmata dal Niger, raffigurante Sant’Agata al rogo. A fianco del carcere una pietra di lava, molto venerata, con l’impronta dei piedi. In sagrestia notevole la targa antica (sec. XV) con immagine della Santa. Lapidi commemorative, bassorilievi, un epigrafe “Noli offendere patriam Agathae, quia ultrix iniuriarum est” (Non offendere la patria di Agata, perché è vendicatrice delle ingiurie), un quadretto settecentesco rappresentante la Patrona.

( Candelore, una festa di barocco )

Quasi tutte le feste siciliane – scrive lo storico mons. Giovanni Lanzafame – sono barocche”. A proposito delle undici candelore parla specificamente di “barocco in movimento”, anche per la famosa “annacata”. Un barocco che si muove in una città barocca, come ridisegnata dal Vaccarini per la sua ricostruzione dopo il terremoto del 1693. In Spagna ben 120 “pasos” (fercoli) narrano per le strade la passione di Cristo e i dolori di Maria; in Perù il santissimo sacramento viene preceduto nella sua sontuosa processione dai “tronos” (fercoli) che narrano plasticamente con capolavori lignei la vita dei santi testimoni di Cristo e alcuni titoli della Madonna. Sul solco spagnolo anche le undici candelore catanesi. Un tempo superavano il numero di trenta: la guerra, lo sconquasso e la scomparsa di alcuni mestieri comportarono dolorosi tagli. Dieci cerei grandi e uno più piccolo, candelabri che illuminavano il percorso della processione. Camminano in ordine di anzianità, anche se tra i “Rinoti” e gli Ortofluricultori ci fu lotta aspra per il primo posto. Una mancata intesa e una diatriba fra le due categorie portarono le candelore a procedere in coppia per molto tempo, con la piccolina a fare da apripista.

Anche oggi apre il cero voluto da mons. Ventimiglia, segue quello dei “Rinoti” dono degli abitanti di San Giuseppe La Rena, con i bellissimi quattro grifoni alla base. Segue il cereo degli Ortofloricultori (giardinieri e fiorai) in stile gotico, con le statue dei martiri e vescovi catanesi. In cima c’è ora la boccia, ma per molto tempo campeggiò un mazzo di fiori. Un grande e totale restauro nel 1970-71 ad opera dell’allora tesoriere cav. Salvatore Urzì. E di seguito la candelora dei Pescivendoli, in stile rococò, ricca di stendardi ed ex voto e con la statua di S. Francesco di Paola, protettore della gente di mare; quella dei Fruttivendoli pregiata e scintillante con al centro un bel busto di Sant’Agata; dei Macellai che fa mostra del tradizionale mazzetto di fiori freschi; dei Pastai che è un puro candeliere settecentesco con il cerone in vera cera; dei Pizzicagnoli (alimentaristi) in stile liberty con le caratteristiche cariatidi alla base; dei Panettieri, la più pesante (la portano in dodici anziché in otto, in dieci però quella dei Vinaioli) con gli angeli ad altezza naturale; dei Vinaioli (bettolieri), appunto, il secondo cereo per pesantezza, ha alla base quattro artistici leoni e grifoni che sostengono tutto l’impianto. Chiude la candelora voluta dal beato Dusmet per il Circolo cittadino Sant’Agata: nel restauro del 1988 è stata arricchita da un artistico mazzu di fiori. La festa più attesa per le candelore, dopo che per giorni hanno girato la città in lungo e in largo, è quella del giorno 3 alla Pescheria e in piazza Duomo, quando fanno l’omaggio al sindaco.

( Un culto internazionale )

Il culto di Sant’Agata non è soltanto catanese. Tutt’altro. La venerazione per la martire è sparsa in tuttu il mondo. La Patrona catanese protegge 44 comuni italiani, dei quali 14 portano il nome della Santa. Nella vicina Malta è compatrona con S. Paolo, così come nella Repubblica di San Marino. In Spagna è venerata a Villarba del Alcor in Andalusia, a Jèria (provincia,di Valencia). A Barcellona è intestata a Sant’Agata la cappella di Palazzo Reale dove i Re cattolici ricevettero Cristoforo Colombo al suo primo viaggio dalla scoperta dell’America. A Zamarramala (Segovia) esiste una tradizione curiosa: il 5 febbraio comandano le donne che si eleggono addirittura una sindachessa. Gli uomini accudiscono la cucina. In Portogallo è Patrona di Agueda (appunto Agata) nella provincia di Coimbra. Anche in Germania il culto è esteso: è Patrona di Aschaffemburg. In Francia, a Le Fournet, in Normandia. A Costantinopoli si festeggiava a maggio in una grande chiesa, come pure nel Ponto. E’ molto popolare in Grecia, specie nella regione etolica; gli etoli lasciano la città in processione per percorrere dieci chilometri e raggiungere il luogo del culto e lì vegliano tutta la notte per partecipare poi la mattina alle celebrazioni religiose in suo onore. Pure nella lontana India c’è Sant’Agata, a Viayawala. In Argentina è la patrona dei vigili del fuoco e viene solennemente festeggiata a La Boca di Buenos Aires.

In Italia la devozione è tanta: un oratorio nell’Abazia di Montecatini, a Cremona nella stupenda Collegiata dove esiste la tavoletta originale recante l’elogio che secondo la tradizione un Angelo collocò nel sepolcro. Una copia è visibile sulla mano sinistra di Sant’Agata. La Lombardia è la regione più ricca del culto agatino. Nel Duomo c’è un altare con un magnifico quadro su Sant’Agata.Due statuette anche nelle guglie. Firenze (esiste una tavola del XIII secolo) invocava Sant’Agata contro gli incendi; Roma le ha dedicato due belle chiese: Sant’Agata dei Goti e Sant’Agata alla Suburra (Trastevere); a Napoli un’effige nella catacomba di S. Gennaro in un affresco del IV secolo.

( L’arte e Sant’Agata )

Di Sant’Agata si hanno opere in tutte le parti del mondo: nella chiesa di S. Sofia a Kiev, nell’Ucraina, all’Apollinare Nuovo a Ravenna; nel portale di S. Stefano a Vienna; nel tempio di S. Giorgio a Dinkeluehl; statue si ammirano a Malta, a Villalba del Alcor in Spagna; una tavola processionale nel museo del Duomo nella galleria degli Uffizi (Filippo Lippi) e nella galleria Pitti (Sebastiano del Piombo) di Firenze; lavori del Borgognone a Bergamo.

A Catania, in case private e in tutte le chiese dedicate alla Patrona (Sant’Agata al Carcere, Borgo, la Vetere), esistono dei busti agatini di buona fattura. Nella chiesa di Sant’Agata alle Sciare un dipinto su pietra ardesia non toccato dalle lave del 1669.

Catania, con la sua provincia, è naturalmente piena di tele e documenti di Sant’Agata. Il più famoso a Nicolosi, a ricordo del beato cardinale Dusmet che fermò la lava con il velo della Santa, salvando la cittadina, alla fine del secolo scorso, dalla distruzione.

sicilyweb.com

Commenti su: "LA FESTA DI SANT’ AGATA A CATANIA" (34)

  1. eh sì, ci deve essere una bella confusione! il nome agata mi fa venire in mente, invariabilmente, il film ” agata e la tempesta ” di silvio soldini con la meravigliosa lucia maglietta, attrice che adoro! se non l’hai ancora visto te lo consiglio, così come ” pane e tulipani ” dello stesso regista e con la stessa attrice! :-D

  2. da catanese, come te, vivo la festa di S. Agata per l’ottava, quando la folla sparisce e si dà spazio, se si vuole, solo all’aspetto religioso.
    Purtroppo non tutto è limpido in questa festa ed è risaputo da tutti. Bella sì per il turista che la guarda da lontano ma sarebbe meglio che molti catanesi facessero rientrare la festa nei canoni tradizionali di ogni festa religiosa e nulla più…
    Ciao
    M.R.

    • Mi trovi più che d’accordo anche perchè più che fede tra i ” DEVOTI” con il sacco ,c’è solo tanto fanatismo.
      Non l’ho mai seguita per intero ,mi sono limitata a visitare il Duomo ,il Carcere dove Agata fu tenuta prigioniera,poi appena la trasportano fuori dalla chiesa andiamo via,troppa confusione che mi fa venire attacchi di panico.
      Ciao,buon pomeriggio

  3. Grazie per una descrizione così accurata ed appassionata, sapevo dell’importanza della festa di Sant’Agata per i catanesi, ma non conoscevo tutti questi aneddoti che hai riportato!
    Inoltre è stupendo il fatto che la santa sia portata in tutta la città, dai quartieri alti a quelli bassi. Sai se passa anche per Picanello? ho soggiornato in quel quartiere le due volte che sono venuto in quella splendida città, mi manca da morire Catania. Anche se non c’era la festa di Sant’Agata per me è stata un’esperienza unica, se un giorno ci tornerò però sarà di sicuro il cinque febbraio : )

    • E’ una festa abbastanza unica con tutti i suoi rituali,non penso che arrivi fino a Picanello,ma potrebbe anche essere ,io la festa la seguo qualche minuto solo in tv .
      Fai coincidere il tuo prossimo viaggio con i giorni
      3-4.5 febbraio e cosi potrai goderti tutta la festa!
      Ciaooooo a presto

  4. Sono tanto curiosa di vederla quanto spaventata dal casino che immagino ci sia … Preferisco godermi la festa tramite le tue parole! ;-)

    • Io ci sono stata una sola volta ,nel 1982 e da allora ho preferito non andarci più !
      Troppa gente per i miei gusti! ;)

  5. Eccomi tesorina! Non vedevo l’ora di leggere il tuo post sulla nostra splendida festa, che ho trovato davvero molto particolareggiato…è stato come viverla momento per momento,cosa che di solito non posso fare. Brava ♥ un abbraccio e che la nostra Santuzza benedica te e i tuoi cari

  6. ci farà qualche miracolo sant’Agata?

  7. Liù non posso che apprezzare questo post! La festa di Sant’Agata mi emoziona sempre. Ti mando un caro abbraccio e …buona festa! Semu tutti devoti,TUTTI!

    • Cara Eloisiaaaa,credevo avessi abbandonato il blog!
      Bentornata! :)
      Ciaooo a presto! :D

      • Liù!!! Non sia mai che io abbandoni il blog! :) purtroppo lo studio mi tiene troppo impegnata e per questo non scrivo spesso! Ma continuo ad esserci! A presto, un abbraccio!!!!!!!!!!!!! :)

  8. PS- hai rimesso la moderazione :-o ho il commento precedente in moderazione.. che è successo?

    • No,non ho rimesso la moderazione! Forse èperchè hai cambiato caratteri al nik e WP che
      poverino è” MOLTO SENSIBILE” :) non ti ha riconosciuta!
      Baci♥

      • WP sta cominciando a stufarmi, coi capricci che fa! ;)
        Baci

      • Effettivamente è un periodo in cui ci sono continui cambiamenti! Sapessi come hanno reso difficile fare gli slide,per fortuna ne avevo fatto uno e ricordavo qualcosa e sono riuscita ad inserirne un paio in due pagine che ho aggiunto.
        Baci :D

  9. Che bel racconto Liù, che grande festa!
    “La santa vendicatrice delle ingiurie”: mi piace!
    Grazie delle informazioni sulle opere d’arte sparse in giro, io non sapevo praticamente niente del culto di questa santa, e non sapevo fosse così importante questa festa a Catania..come il Capodanno. Allora auguri e buona festa (anche se non ci vai)! ;)

    • Ho voluto dare il mio contributo per chi cosce poco la Sicilia e Catania in particolare!
      Io non apprezzo il fanatismo su nessuna cosa e qui mi pare che ce ne sia un bel po’ ,ecco perchè non partecipo ,eppoi troppa folla di gente mi fa venire il panico.
      Buona giornata e un abbraccio Aurora :D

  10. è stupenda questa festa e la sua tradizione , io mi sono trovata x 2 anni di seguito..una cosa che mi ha stupito è la partecipazione di tanti giovani che portano addosso i grossi ceri accesi…….la storia della povera Agata è davvero sconvolgente…….buona festa Catania..un bacione liù

    • Ci sono stata una sola volta e mi è bastata ! Troppa gente ,troppa folla ,mi sentivo quasi male!
      Un bacione Saruccia :D

  11. buongiorno cara liu e grazie perche non sapevo queste cose…molto interessante e poi le fotine sono belle ..un abbraccio augurandoti sereno lunedi

  12. Ma è davvero così anche oggi? Tre giorni di festa grande, processioni e folla per le strade? Sembra incredibile che sopravvivano celebrazioni così articolate…deve essere molto suggestivo anche se io personalmente non amo molto i bagni di folla. Tu ci vai? Bacioni

    • Oggi e domani fino alle 5/6 del mattino la festa sarà al suo culmine ,finirà con la messa mattutina delle 7 del mattino in 6 febbraio,è così da 5 secoli!
      Sapessi la gente che viene apposta,Catania diventa affollatissima in questi giorni.
      Io non ci vado perchè la folla mi fa paura ,preferisco un paio di giorno prima verso il 31 gennaio con le candelore che girano per catania e le vie principali allora si che puoi farti un giro in tranquillità.
      Baci Viv♥

      • Mamma mia, immagino…però deve essere uno spettacolo incredibile!

      • Hai detto la parola giusta ,è un vero spettacolo ,specialmente quando corrono con il Fercolo pesante tonnellate verso la “SALITA DI S:GIULIANO” una salita tremenda farla a piedi ,pensa trascinando tonnellate di roba e pure correndo.

♣ Lascia un tuo pensiero ♣ Grazie...

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

Tag Cloud

danae pensierisparsi

Tutto quello che passa per la testa

pensieri fondenti

un diario al sapor di cioccolata amara

Pensieri...solo pensieri...

Per alcune persone, i libri fanno la differenza tra felicità e infelicità, speranza e disperazione, una vita degna di essere vissuta e una orribilmente noiosa.Anjali Banerjee♦♦due strade divergevano in un bosco ed io - io presi la meno battuta,e questo ha fatto tutta la differenza.Robert Frost

kalosf

...un tentativo di vedere il mondo attraverso la luce...

ACCENDI LA VITA

Pensieri, parole and every day life

Carlo Galli

Parole Pensieri Emozioni

viaggioperviandantipazienti

My life in books. The books of my life

Life and Zen...

...imagines and other

iltempodelleriflessioni

Le parole possono ferire ma il silenzio uccide

Vivere per amare

l'amore parla

ladimoradelpensiero

La lettura é il viaggio di chi non puó prendere un treno. (Francis de Croisset)

Fimoart&Fantasy

Quando un hobby, diventa una passione!

♥ melodiestonate ♥

Un blog da leggere... .Per chi ha tempo da perdere...♥

ventisqueras

Scrivere sull'acqua

ci sono

l'acqua troppo pura non ha pesci

Freawaru

Emozione d'un passato antico

MARGHIAN

Just another WordPress.com site

libera...mente

dietro ogni vecchio c'è sempre un bambino, davanti a un bambino non sempre c'è un vecchio

vagone idiota

Spesso un treno é un teatro mobile.

Max510's Blog

Quando sono in viaggio, il mio cielo è sempre sereno

Briciole di Emozioni e di Web...Fasix

...volevo cambiare il Mondo, ma il Mondo ha cambiato me.

ilmiolungoviaggio

Just another WordPress.com site

ScatenoLaMente

E Tu ...? Puoi uscire dai tuoi schemi, ma non pensare di conoscere i miei ... !!!!! UN PO' COME LA SAGRATA FAMIGLIA !!!!!!!!!!! GIOCO IN SCATOLA PER SOLI AUDULTI IL MIO BLOG HA IL BOLLINO ROSSO

Il padiglione d'oro

... è sempre un qualche meraviglioso silenzio che porge alla vita il minuscolo o enorme boato di ciò che poi diventerà inamovibile ricordo ... (A. Baricco)

Niko in blogosphere ❂

Kik Messenger: alpha70alpha

mt in versi e prosa

i miei pensieri

mariella: Temporanea Residente Forestiera

IL MONDO CHE TU MI OFFRI: NON MI APPARTIENE!

MARIELLA1953

un ciao a chi passerà di qui!

mylovelytrips

"Conoscere una sola lingua un solo lavoro un solo costume conoscere una sola logica è prigione" Ndjock

Gammazita...l'isola degli angeli

Il cuore ha sempre ragione

il nuovo blog del gatto sylvestro

dicono che i gatti hanno 7 vite.......

angolo del pensiero sparso

voli pindarici sulla caleidoscopica umanità

Michele (Caliban)

Perfidissimo Me

Quarchedundepegi's Blog

Just another WordPress.com weblog

MARIA.

Just another WordPress.com site

A fine binario

voglio solo ricominciare

maria rosaria

"L'esistenza è uno spazio che ci hanno regalato e che dobbiamo riempire di senso, sempre e comunque"

giorgio

Just another WordPress.com site

Iscriviti

Ricevi al tuo indirizzo email tutti i nuovi post del sito.

Unisciti agli altri 388 follower

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: